Farfalle: le ballerine degli insetti!

farfalle e coding

Durante la prima azione dell’attività scelta, gli alunni hanno svolto dei lavori partendo dall’ascolto della storia “il bruco e la farfalla”. Nel programmare le attività delle fasi successive noi docenti del team di classe abbiamo deciso di continuare a promuovere lavori che mantenessero quella trasversalità disciplinare che tanto ci è piaciuta in questa sperimentazione. Abbiamo così proposto ai bambini una nuova storia “il Bruco Bruno” (Bruno è il nome che abbiamo scelto per uno dei nostri bruchi!). Poiché in Italiano stiamo affrontando i suoni complessi abbiamo pensato di unire questo argomento a delle attività di coding (previste nell’azione 3). Partendo da questa semplice vicenda gli alunni hanno sperimentato il coding sia in versione unplugged che utilizzando le BeeBot. In entrambe le attività Bruco Bruno doveva raggiungere uno dei fiori disposti sul reticolo evitando di finire nelle grinfie di ragni, camaleonti e rane.

Si è scelto di partire dal coding unplagged perché alcuni alunni della nostra classe non avevano praticato questa metodologia negli anni della scuola dell’infanzia. Nella versione unplagged ogni alunn* ha svolto a turno il ruolo di bruco/farfalla e di programmatore e programmatrice. Prima di iniziare a lavorare sul reticolo gli alunn*, divisi in coppie, hanno realizzato la cover per il robot. Hanno potuto scegliere di trasformare la BeeBot in bruco o in farfalla.

Classe 1^A, Scuola primaria “L. Scarici” di Torgiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.